Intervista a Gilbert Gallo (autore di Olympus Inc)

12304304_524925151006785_7826902971198204401_o.jpg

Benvenuto a Gilbert Gallo, già autore dell’ambientazione “Mythos” per Savage Worlds, che ora sta affrontando un nuovo progetto selvaggio con “Olympus Inc.” insieme ad un team a prevalenza italiano. Si tratta di una nuova ambientazione per Savage Worlds del quale è attivo in questi giorni il kickstarter ( link al kickstarter ), vediamo se riusciamo ad estorcere qualche informazione e anticipazione di più!

Parliamo dell'autore
  • 1. Ciao Gilbert, vuoi presentarti a chi non ti conosce, raccontarci la tua esperienza con i giochi di ruolo e con Savage Worlds?

Salve ragazzi! E’ un piacere dialogare con dei Selvaggioni come voi! Mi chiamo Gilbert, non bevo alcool da tre mes.. una sett.. diciamo due ore? e come voi ho una grande passione che mi brucia dentro: quella di giocare di ruolo, raccontare storie e soprattutto usare la fantasia. Ho pubblicato (praticamente “autopubblicato”) il mio primo GDR chiamato GilDar nell’ormai lontano 2005, per il quale scrissi anche dei racconti “interattivi” e un fumetto. Anni dopo, nel 2007 pubblicai la “prima versione” di Mythos con Rose and Poison (la stessa casa editrice di Sine Requie) dopo che la mia “proposta di GDR” vinse il GDRItalia contest. Peccato che nel 2008 la casa editrice fallì senza avvisare nessuno. Ma noi selvaggi non demordiamo e continuai a supportare il prodotto come meglio potevo e scrissi avventure, moduli e persino il manuale di Cyberpunk V3 per il mercato italiano edito da Stratelibri. Nel 2012 conobbi il mio mentore: Umberto Pignatelli, che mi illuminò e disse che al di fuori dell’Italia il GDR è apprezzato e gli autori (anche esteri) sono apprezzati. Come un bravo Padawan, seguii i suoi insegnamenti e mi si aprì il mondo di SW. Nel 2013 pubblicai Mythos per SW: più fast, furious and Fun che mai. Possiamo quindi dire che sono stato il “secondo” Italiano a pubblicare per SW (per quanto ne sappia). E da allora non mi sono più fermato, curando varie espansioni per Mythos e impegnandomi in altri progetti “selvaggi” (fra i quali l’italiano Warage) fino ad arrivare ad Olympus Inc.

  • 2. Come è nata l'idea di Olympus Inc e la collaborazione con gli altri autori e artisti

A dire la verità, l’idea è venuta a Charles White, il boss di Fabled Environments, casa editrice famosa per le sue “mappe tattiche”. Lui è un grande fan di Percy Jackson e di Mythos: un giorno mi contattò e mi disse: perché non fai un setting “moderno” di Mythos? Secondo lui avrebbe avuto successo. Beh, mi ha convinto. E ovviamente chiesi a lui di collaborare al progetto, senza averlo mai conosciuto. Suona strano, ma in America funziona così: anche se sei “sconosciuto”, la gente ti dà una possibilità se dimostri di “sapere il fatto tuo”. Dal concept originale “alla Percy Jackson” molte cose sono cambiate, fino ad arrivare al setting attuale che mischia l’attitudine cyberpunk all’ epica della mitologia classica. Il team di artisti è a maggioranza italica, coordinati dal bravissimo Daniele Solfrini (che ho conosciuto durante l’esperienza della Graphic Novel Sancta Sanctorum) e che vede come artista “di punta” il talentuoso Mirco Paganessi. Incrociando le dita, SE il kickstarter dovesse avere successo, pensiamo di affidare la copertina proprio a lui.

  • 3. Il vostro team di sviluppo è a prevalenza di italiani (e qui siamo sulla savagepedia italiana) ma la prima uscita del vostro manuale sarà in inglese su DriveThruRPG. Come molti altri autori avete preferito farvi conoscere prima nel mercato internazionale, quali pensi siano le motivazioni che spingono oggi molti autori italiani a fare questa scelta? E soprattutto quante possibilità abbiamo di veder tradotto Olympus Inc anche in italiano?

Olympus inc. è stato “concepito a Stelle e Strisce”: è prodotto da un editore Americano, uno dei suoi autori è Americano ragion per cui è logico che venga dapprima prodotto in Inglese. Lasciando stare il caso specifico di Olympus Inc., le ragioni per le quali chi può preferisce produrre in Inglese le proprie opere sono amio giudizio sostanzialmente due: una ragione di mercato ed una di “modus operandi”. Parliamo del mercato: come si può facilmente dedurre, gli Anglofoni sono molto più degli Italiofoni e per di più i primi pagano volentieri svariati dollari per un PDF fatto bene, mentre i secondi pretendono un manuale deluxe e a colori, snobbando qualunque cosa che abbia un impatto grafico inferiore. Da qui si deduce come il mercato del gdr in Italia sia “poco redditizio” per tutti (a meno che non si indulga nella triste pratica di “non pagare” autori e artisti). Il “modus operandi” invece vede gli Anglofoni come precisi, rapidi a rispondere, onesti e diretti. Ma soprattutto, PAGANO sempre (e a volte anche in anticipo!) Mi rincresce dirlo, ma fino ad ora in Italia non ho ancora avuto il piacere di collaborare con Editori che rispondano a tutte le caratteristiche suddette. La “specie editoriale” più diffusa è quella che promette tanto ma puntualmente non mantiene. E nel mio caso è proprio QUESTO il motivo che mi spinge a scrivere in Inglese: poter perseguire il proprio hobby (perché per ora non me la sento di chiamarlo “lavoro”) con gente onesta e precisa riempie di soddisfazioni anche se il guadagno è davvero poco.
Per quanto riguarda la traduzione di Olympus Inc. in Italiano, sarei davvero felice che questo avvenisse. Sono sicuro che se GGStudio mandasse una email a Charles di Fabled Environments si troverebbe facilmente un accordo. Una mia ambientazione è stata tradotta in Polacco, ora tocca all’Italiano!

Parliamo dell'ambientazione:
  • 4. Da un titolo così e dall'autore di Mythos, ci si potrebbe aspettare un'ambientazione storica, ma tra le vostre fonti di ispirazione c'è anche la letteratura Cyberpunk e Shadowrun. Che tipo di atmosfera dobbiamo aspettarci? Quanto c'è di storico e quanto di cyberpunk?

Più che di “storico” parlerei di “metastoria” o “fantastoria”. Come avviene nella nota ambientazione di “mondo di Tenebra”, la realtà nella quale operano gli eroi di Olympus Inc. è “apparentemente” identica alla nostra, tranne che per alcuni “dettagli” che la gente comune (i cosiddetti “Sleepers”, ossia i “Dormienti”) ignora. Solo chi ha “risvegliato” i suoi Geni Divini Latenti sa che il mondo che noi conosciamo è in realtà un’enorme prigione ove gli Dei dell’Olimpo sono stati rinchiusi dopo aver perso la guerra contro i Titani. Solo chi ha Icore nelle vene sa che molte persone apparentemente normali sono in realtà Creature Mitologiche capaci di assumere forma umana: Neo-Tritoni occupano importanti posizioni nella Marina, Neo-Sfingi accumulano sempre più sapere in laboratori e biblioteche e Neo-Sirene sono fra le più famose rockstars. Alcuni si mescolano agli umani per il semplice gusto di vivere una vita “diversa”, altri invece sono agenti dei Titani pronti a mettere i bastoni fra le ruote dei nostri eroi.
L’aspetto cyberpunk è dato dal fatto che gli Olimpici non si fanno più venerare nei templi, bensì possiedono gigantesche mega-corporazioni ove migliaia di persone lavorano per loro e le loro “false identità” hanno milioni di fans sui social networks. Solo le potenti Dinastie di Semidei “eletti” vivono nel lusso delle Megacorporazioni e combattono guerre economiche e militari contro le organizzazioni dei Titani: tutti gli altri Semidei nati “al di fuori delle Dinastie” devono darsi da fare per sopravvivere in un ambiente ostile: gli Olympunks. Costoro sono gli Eroi di Olympus Inc. : come i Cyberpunk vecchia scuola sono dotati di enormi poteri e non hanno paura di usarli: sfruttati dalle megacorporazioni, tentati dai Titani e braccati da mostri mitologici dovranno destreggiarsi fra spionaggio, scontri epici e profezie in pure o stile Savage Worlds: fast, furious and fun!

  • 5. Cos'hai portato con te dall'esperienza dell'ambientazione di Mythos in questo nuovo progetto, e quali sono le differenze fondamentali che vorresti sottolineare?

Da Mythos ho “importato” la caratterizzazione degli Eroi in base alla Divinità dalla quale discendono. Se sei un Semidio che discende da Dioniso potrai, ad esempio, essere immune ai veleni o far addormentare i nemici ma non potrai mai scagliare fulmini come i discendenti di Zeus. E la lotta fra Dinastie differenti per la supremazia e all’interno della stessa Dinastia per prendere il potere (che ricorda molto le tragedie greche).
Le differenze del setting sono tantissime, elencherò solo alcune più importanti. Innanzitutto, in Mythos gli Dei erano molto più “presenti” e “potenti” e potevano negare l’utilizzo di “poteri” ai loro Semidei se questi ultimi avevano comportamenti “sbagliati”. In Olympus Inc. no. Gli Olimpici non sono più “onniscienti” ed ogni Semidio può utilizzare i poteri come e quando gli pare, può addirittura pensare di utilizzarli contro il suo stesso Dio progenitore! In Mythos le Creature Mitologiche erano quasi tutte “ostili” o “diverse”. In Olympus Inc, invece sono perfettamente integrate nella società umana e a seconda dei casi possono essere alleati o nemici. In Mythos ogni divinità imponeva un codice comportamentale ai suoi adepti mentre in Olympus Inc c’è solo un comandamento da rispettare: salvaguardare l’apparenza di normalità davanti agli occhi dei “Dormienti”.

  • 6. Cosa puoi dirci dello stile di gioco? Se volessimo descriverlo citando altri giochi di ruolo, dovremmo aspettarci enormi terribili e inavvicinabili divinità aliene alla "The Call of Cthulhu", supereroi e supercattivi alla "Necessary Evil", o delle battaglie di fazione politiche in stile "Vampire The Masquerade" ?

Personalmente, inquadrerei lo stile di gioco di Olympus Inc. a metà strada fra Necessary Evil e Shadowrun. La missione “tipo” inizia in un bar ove una “Shadow” ingaggia un gruppo di Semidei Olympunk per svolgere una missione per conto di “qualcuno” che spesso ci tiene a mantenere l’anonimato. Durante la missione i nostri eroi dovranno vedersela con esseri Mitologici la cui potenza va ben oltre l’essere umano, ma grazie ai loro Geni Divini saprenno tenerli a bada… o moriranno provandoci. In Olympus Inc. la verità è quasi sempre relativa e non ci sono chiare distinzioni fra “bene” e “male” così come in Cyberpunk. Se avranno pazienza e intelligenza, i nostri Eroi potranno un giorno arrivare a capire cosa si cela nella famigerata Delphi Corporation. Se invece faranno scelte diverse, potranno addirittura fare il gioco dei Titani contro gli Olimpici. Per un sorso di Ambrosynth (Ambrosia Sintetica) un Olympunk è pronto a fare qualsiasi cosa…

  • 7. Che tipo di Personaggi Giocanti sono previsti? Si giocheranno umani, dei, semidei, mutanti, supereroi?

Come in tutti i Settings SW, gli Archetipi di personaggio sono numerosi e pescano tutti dalla letteratura fantasy/cyberpunk.
Per quello che riguarda le “razze” giocabili, sono sostanzialmente 3 (tutti Semidei): I Paragons, i Proteans e gli Humanoids.
I Semidei Paragons somigliano moltissimo al Dio che li ha generati, sia nei Poteri che nei Difetti. Hanno perciò accesso a una limitata gamma di Poteri, Hanno molti Punti Potere e Parecchi Difetti.
I Semidei Proteans invece sono il frutto di una “mutazione genetica”. Per questo motivo possono scegliere qualunque potere essi desiderino e creare combinazioni altrimenti impossibili. Hanno però diritto a meno punti potere.
I Semidei Humanoids discendono da “Dei Minori” come Pan e il Minotauro. La loro caratteristica principale è l’abilità di “shiftare” fra due forme: quella umana e quella Divina in cui manifestano la somiglianza col Dio progenitore (Es: i Minospawns che derivano dal Minotauro hanno le corna) assieme ai poteri.

12291902_522438984588735_6008152238967478250_o.jpg
  • 8. Dicci, dicci.. tanto rimane fra noi, gli altri non si offendono.. quale sarebbe il tuo personaggio preferito di Olympus Inc, se dovessi sceglierne uno?

Il mio preferito è senza dubbio Xander Smith, detto Mr X, il “boss” dell’Alpha Team, uno dei Freelancer Teams più cool fra gli Olympunks. Lo riconoscete subito nell’illustrazione di Mirco sulla pagina Kickstarter: è quello che vola verso l’alto e che scaglia fulmini contro le guardie! ;)
In anteprima assoluta vi incollo qui la sua scheda (salvo revisioni dovrebbe essere definitiva).

Archetype: Pilot/Gunman
Name: Xander “Mr. X” Smith
Rank: Novice
Divine Race: Paragon Demigod (Jovian)
Hair: Blonde
Eyes: Crystal Blue
Attributes: Agility d8, Smarts d6, Spirit d6, Strength d6, Vigor d6
Skills: Driving d6, Fighting d6, Knowledge (Alchemy) d6, Intimidation d6, Notice d6, Shooting d10
Charisma: 0; Pace: 6; Parry: 5; Toughness: 5*
Hindrances: Weakness (Void/Necromantic trappings deal 2x Damage), Code of Honor, Loyal, Stubborn
Edges: AB Paragon (Jovian), Power Points
Gear: Handguns x2, Kevlar jacket, Motorcycle, Cool sunglasses
Languages: English, Logos, Spanish
POWERS:
- Eye of the Eagle [A]
- Lightning Lvl 3
- Flight Lvl 3

P.S. : Xander, così come tutti gli altri membri dell’Alpha Team, hanno un particolare Background e saranno i protagonisti delle illustrazioni all’interno del manuale. Seguite le avventure dell’Alpha Team pagina dopo pagina!

  • 9. Sono previsti dei Background arcani per i personaggi giocanti? Si baseranno sulle regole dei Poteri del Manuale Base di Savage Worlds oppure sul Compendio dei Superpoteri?

Ottima domanda! Come potete vedere dalla scheda di Xander, ogni Razza di Semidei ha un particolare Background Arcano che determina la scelta dei Poteri, i Punti Potere e quanti nuovi Punti Potere acquisisci ogni volta in cui acquisti il Vantaggio Punti Potere. Ci siamo ispirati molto al Compendio dei Super Poteri.

Parliamo del regolamento:
  • 10. Il manuale sarà pura ambientazione o a trama portante? I manuali di Sw hanno questa grossa distinzione : alcuni sono manuali di "pura ambientazione", come ad esempio Nemesis o Beast and Barbarians. Altri, come 50 Fathom, Necessary Evil, Ultima Forsan, Freak Control etc hanno nel manuale una parte di regole di ambientazione ed una campagna autoconclusiva.

Parlandone con Charles, abbiamo deciso di realizzare un manuale con un’ambientazione molto curata E un’avventura a trama portante. Cosa volte di più dalla vita?

  • 11. Olympus Inc è pensato come un'ambientazione per il sistema di regole base di Savage Worlds, cosa vi ha spinto a scegliere di appoggiarvi a questo specifico sistema di regole generico? C'è qualcosa che vi ha convinto particolarmente di questo regolamento?

Semplice: sia io che Charles amiamo SW. Non ci è mai venuto in mente di utilizzare altri regolamenti. Certo, siamo aperti a qualunque altra proposta futura. Se domani venissero gli amici della WoTC e chiedessero di fare una conversione al d20, non credo che rifiuteremmo :D

  • 12. Pensate che Olympus Inc possa essere in grado di valorizzare qualcosa in particolare dello stile o del set di regole di Savage Worlds? Sono previste invece delle House Rules specifiche che avete ideato per creare lo stile di gioco che avete in mente?

Col suo “mood” cyberpunk, Olympus Inc. valorizza molto l’aspetto “fast, furious and fun” di SW. Tagliare una delle teste metallizzate della Neo-Chimera con la tua katana in Hydroargentum non è mai stato così divertente!

Una delle house rules che più mi piace è quella che dimezza i danni causati dalle armi “mondane” a chiunque si trovi in una “Forma Divina” (Mostri, Semidei Humanoids in Forma Divina o Creature Mitologiche Intelligenti in Forma Divina). In parole povere, sparare semplici proiettili di piombo a un minotauro inc@xxato non è una grande idea. Meglio utilizzare Armi Divine o Proiettili Divini, realizzati con metalli rari sulla terra come Aurum, Cuprum, Hydroargentum etc. E indovinate un po’ dove si trovano questi metalli? Proprio così, le ossa dei “nuovi” mostri sono ricchissime di questi metalli: ora avete una ragione in più per andare a caccia di bestie mitologiche!

Parliamo del manuale:
  • 13. Che tipo di conteuti dobbiamo aspettarci dal manuale oltre alla descrizione dell'ambientazione e le regole di creazione dei personaggi? Nuovi vantaggi/svataggi , nuovi poteri, generatori di avventure, avventure pronte, regole situazionali particolari, ulteriori strumenti per il narratore o per il giocatore?

Caspita, le hai dette tutte! Proprio così, il manuale offrirà una gamma di nuovi poteri, nuovi vantaggi e svantaggi, un generatore di avventure, un’avventura a trama portante ecc. ecc. Il manuale sarà così ricco di contenuti che impiegherete un mese a leggerlo. Ma vi assicuro che sarà tempo ben speso, data la mole di “gente seria” che contribuirà al manuale!

  • 14. Leggendo il kickstarter sembrerebbe che sia stato dato grande spazio alla creatività degli artisti che hanno lavorato alle illustrazioni del manuale, puoi dirci di più?

Il merito del lato artistico è tutto di Daniele. Dirige un’agenzia di talenti che racchiude alcune delle migliori matite del panorama italiano. Mi è bastato dire cosa volessimo perché lui ci procurasse in men che non si dica cinque bozzetti per ogni idea. E poi abbiamo seguito le fasi di colorazione, cercando di trasmettere quel feeling cyberpunk, shadowrun e American Gods che stiamo cercando.
Per di più, abbiamo già pronti i concepts dei personaggi principali dell’Alpha Team, che saranno i protagonisti della maggior parte delle illustrazioni.
Se il kickstarter andrà in porto, il manuale sarà tutto a colori, una meraviglia per gli occhi!

Grazie Gilbert dell’intervista e un saluto dalla comunità italiana di Savage Worlds!
Grazie a voi ragazzi! Io sono aperto a qualsiasi tipo di collaborazione/consiglio o proposta. Fatevi avanti ragazzi!
Stay Savage!